Set
2
Ven
“Vite a stralci” – Presentazione del volume di Antonella Galuppi @ Libreria Ubik
Set 2@18:30–19:30

Presentazione del volume di Antonella Galuppi “Vite a stralci”.

Dialogherà con l’autrice il poeta Pippo Di Noto.

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Una narrazione senza maschera di “Vite a stralci” tesa a fotografare il livello esistenziale della società, oscillazioni tra denuncia e angoscia, nella quale l’autrice semina la sua cifra esperienziale di poetessa e giornalista, criminologa e politico, protesa all’impegno sociale. Ironica a rasentare il sarcasmo, ci  svela il disincanto della vita; l’assenza, amara, di piacere e gioia, sin dal primo racconto, dove emergono certi “effetti collaterali” causati dalle inevitabili restrizioni a seguito della pandemia. Quindi, una sequela di personaggi dominati dal caos e dal turbamento, antieroi protagonisti di storie magiche o, perlomeno, oniriche. Gronchi Rosa che valgono “un Perù”, la scorciatoia per “L’eredità”, una chiassosa cagnetta da “ritrovo”. Che contrastano con la cruda narrazione della realtà più dura, quella della casta, che rifiuta categoricamente la diversità, o i rapporti angusti, dove l’amore non è mai fonte di gioia. Né manca il racconto esilarante del furto presunto con il ribaltamento finale. Stralci di vite di personaggi indisponenti, talvolta vigliacchi, che fanno da contrappeso ad altri, generosi ed encomiabili, abilmente descritti e incastonati in storie deliziose da leggere tutte d’un fiato.

 

 

 

 

In collaborazione con la libreria Ubik di Marina di Ragusa

 

 

 

 

 

Set
6
Mar
“Dizionario dei soprannomi ragusani” – Presentazione del volume di Carmela Sgarioto @ Atrio palazzo Bruno di Belmonte
Set 6@19:00–20:00

Presentazione del volume di Carmela Sgarioto “Dizionario dei soprannomi ragusani” e della raccolta di poesie “Na vuci”.

Dialogano con l’autrice i professori Antonio Barone e Giorgio Flaccavento.

Una parola, a volte due. Tante ne bastano a raccontare una persona, le sue caratteristiche fisiche, il mestiere, il carattere, i vezzi, l’appartenenza familiare e tutta la sua storia. Una parola, a volte due, per tornare con la memoria a un’epoca lontana ma ininterrotta; assaporarne l’atmosfera ripassando in bocca  quelle parole per ripeterle o almeno tentare A “nciuria” è un’identità grande.  È innanzitutto una tradizione, popolare e vivida, affettuosa e ruvida. È il sunto, minimo e un po’ sprezzante di una persona o di una famiglia intera, in tutte le sue generazioni. È un nome, con tutto il potere evocativo che solo i nomi  possiedono. Quest’opera ha il merito di approfondire la nostra storia per restituircene una parte unica; un pozzo che penetra e riporta in superficie. Da ragusano, posso affermare che queste sono pagine preziose per la nostra comunità. (Peppe Cassì, Sindaco di Ragusa)

 

 

 

 

 

Na vuci è la prima raccolta poetica di Carmela Sgarioto. Essa è composta da trentasei liriche in dialetto ragusano, che possono essere classificate, tematicamente, sotto un’etichetta unica: poesie d’amore. Ma diverso è l’amore delle prime  ventisei liriche rispetto a quello delle ultime sette. Le prime hanno per oggetto la persona amata, la persona del cuore, e le vicende di una vita non sempre felice, le seconde, invece, guardano con amore al
tempo della giovinezza e alle persone care. Poesie della memoria, nell’un caso e nell’altro, perché la persona o le persone amate, i luoghi evocati, gli ambienti e i quartieri di Ragusa, le persone che quegli ambienti hanno riempito lasciando traccia nella memoria di un’attenta fanciulla, non sono più le persone e i luoghi del presente, ma appartengono al passato.

Set
8
Gio
“Vite a stralci” – Presentazione del volume di Antonella Galuppi @ Atrio palazzo Bruno di Belmonte
Set 8@18:00–19:00

Presentazione del volume di Antonella Galuppi “Vite a stralci”.

Dialogherà con l’autrice il poeta Pippo Di Noto.

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Una narrazione senza maschera di “Vite a stralci” tesa a fotografare il livello esistenziale della società, oscillazioni tra denuncia e angoscia, nella quale l’autrice semina la sua cifra esperienziale di poetessa e giornalista, criminologa e politico, protesa all’impegno sociale. Ironica a rasentare il sarcasmo, ci  svela il disincanto della vita; l’assenza, amara, di piacere e gioia, sin dal primo racconto, dove emergono certi “effetti collaterali” causati dalle inevitabili restrizioni a seguito della pandemia. Quindi, una sequela di personaggi dominati dal caos e dal turbamento, antieroi protagonisti di storie magiche o, perlomeno, oniriche. Gronchi Rosa che valgono “un Perù”, la scorciatoia per “L’eredità”, una chiassosa cagnetta da “ritrovo”. Che contrastano con la cruda narrazione della realtà più dura, quella della casta, che rifiuta categoricamente la diversità, o i rapporti angusti, dove l’amore non è mai fonte di gioia. Né manca il racconto esilarante del furto presunto con il ribaltamento finale. Stralci di vite di personaggi indisponenti, talvolta vigliacchi, che fanno da contrappeso ad altri, generosi ed encomiabili, abilmente descritti e incastonati in storie deliziose da leggere tutte d’un fiato.

 

 

 

 

 

Set
15
Gio
“Leggi di più (e meglio)” – Presentazione del volume di Andrea Iurato @ Atrio palazzo Bruno di Belmonte
Set 15@19:00–20:00

Presentazione del volume di Andrea Iurato “Leggi di più (e meglio)”.

Dialoga con l’autore la giornalista Antonella Galuppi.

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Questo non è certamente un libro motivazionale, quindi non mira a fare incetta di “convertiti” né si prefigge di addestrare futuri “promoters” del credo lettura alla virulenza verbale da neo adepto vegano o no vax, ma di un conciso, godibile manuale scritto da un “lettore vorace confesso” con il dichiarato intento di invogliare a leggere di più e con maggiore consapevolezza. Leggi di più (e meglio) è un’appassionata dichiarazione di amore per il leggere: ogni libro, dal più costoso al più economico, dal meglio conservato al più sbrindellato, dall’incunabolo medioevale all’ebook di ultima generazione. A legare ogni pagina il sottile, ma robusto filo del suggerire discreto, senza lo spocchioso, finto quasi glissare del nato “imparato”, reso più credibile e persuasivo dalla umiltà di aver
sperimentato di persona le difficoltà del percorso. Ovviamente, anche per leggere si deve essere allenati. Andrea non lo nasconde e avverte che comporta tempo, costanza e buona volontà. Ma si dice assolutamente certo che l’allenamento sarà ripagato da un piacere straordinario, capace di rinnovarsi puntuale e immutato ogni volta. E per sempre…

 

 

 

 

 

Set
16
Ven
“Storie a spicchi” – Presentazione del volume di Lia Rebecca Valerio @ PalaZama
Set 16@20:00–21:00

Presentazione del volume di Lia Rebecca Valerio “Storie a spicchi”.

Dialoga con l’autrice il giornalista Michele Farinaccio.

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

“Ho scritto una roba, non so nemmeno bene perché, ma vorrei fartela leggere”. È l’ottobre del 2019, l’ultimo anno del mondo di prima, quello senza pandemia, senza tamponi e mascherine. La “roba” è un pezzo assai ben scritto su Dearica Hamby, giocatrice della Virtus Eirene Ragusa che in America è appena stata eletta miglior giocatrice che esce da tutte le panchine della WNBA. Insieme a Fausto La Licata, che gestisce il sito della squadra, decidiamo di aprire una nuova sezione del sito, dove inserire le “robe” di Lia, che poi insieme ad altri pezzi, sono raccolte in questo libro.
L’autrice parla soprattutto di sport, di momenti più o (solo apparentemente) meno importanti, dipingendo giocatrici come Nicole Romeo o Agnese Soli o parlando del basket tre contro tre. C’è spazio per l’ironia, per le emozioni, ma c’è anche posto per qualche lacrima, in tre racconti dai quali però non traspare tristezza, ma che lasciano grande speranza. Come il ricordo di Maurizio Ferrara o quelli più planetari di Kobe e Maradona.
Le pagine di questo libro scorrono veloci, le emozioni si rincorrono così come le immagini di vita vissuta, mentre non di rado un occhio si fa lucido per lasciare però subito spazio al sorriso. Questo ci dice l’autrice. Prendere le cose con la giusta dose di leggerezza ma mettendo ogni goccia del proprio sudore in quello che si è chiamati a fare. Perché c’è sconfitta ma ci sarà sempre anche vittoria. C’è morte, ma c’è anche e soprattutto vita.

 

 

 

Ott
7
Ven
“Ragazzi scalzi” – Presentazione del volume di Maria Bruna Noto @ Centro Polifunzionale
Ott 7@18:30–19:30

Presentazione del volume di Maria Bruna Noto “Ragazzi scalzi”.

Dialoga con l’autrice il giornalista Antonio La Monica.

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Sono sempre stata definita “nera”. Neri i miei capelli, neri i miei occhi, scura la mia carnagione. Ho sempre vissuto dentro schemi preconfigurati, galleggiando nelle mie certezze, sguazzando tra le mie convinzioni. Un giorno ricevo una chiamata: ho la possibilità di essere assunta presso la cooperativa sociale Filotea. Accetto. Vengo accolta da un rassicurante coordinatore. Bianco. Durante il nostro colloquio entra nella stanza un ragazzo, un mediatore culturale. Nero. Mi porge la sua mano per una stretta. Non ho mai dato la mano a un uomo di colore… mi alzo in piedi e gliela stringo. Non posso non rimanere rapita da quell’intersecarsi di dita, da quell’unione di due mani, di due mondi. Contemplo le nostre mani, una bianca e una nera, in quell’immagine da sempre vista su copertine di giornali o fotografie. Ma quella mano è la mia! Improvvisamente mi sento bianca. Avverto nel colore della mia pelle un candore mai sperimentato prima. Vedo  la diversità ma non la sento. Percepisco, invece, la morbidezza di una mano spalmata di una vellutata crema, come la mia. Incrocio uno sguardo allegro, desideroso di fare amicizia,  come il mio. Mi perdo in un sorriso sincero, genuino, come il mio. Inizia così il mio viaggio in Africa.

 

 

 

Ott
14
Ven
“Vite a stralci” – Presentazione del volume di Antonella Galuppi @ Fondazione San Bartolomeo
Ott 14@19:00–20:00

Presentazione del volume di Antonella Galuppi “Vite a stralci”.

Dialoga con l’autrice lo scrittore Andrea Iurato.

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Una narrazione senza maschera di “Vite a stralci” tesa a fotografare il livello esistenziale della società, oscillazioni tra denuncia e angoscia, nella quale l’autrice semina la sua cifra esperienziale di poetessa e giornalista, criminologa e politico, protesa all’impegno sociale. Ironica a rasentare il sarcasmo, ci  svela il disincanto della vita; l’assenza, amara, di piacere e gioia, sin dal primo racconto, dove emergono certi “effetti collaterali” causati dalle inevitabili restrizioni a seguito della pandemia. Quindi, una sequela di personaggi dominati dal caos e dal turbamento, antieroi protagonisti di storie magiche o, perlomeno, oniriche. Gronchi Rosa che valgono “un Perù”, la scorciatoia per “L’eredità”, una chiassosa cagnetta da “ritrovo”. Che contrastano con la cruda narrazione della realtà più dura, quella della casta, che rifiuta categoricamente la diversità, o i rapporti angusti, dove l’amore non è mai fonte di gioia. Né manca il racconto esilarante del furto presunto con il ribaltamento finale. Stralci di vite di personaggi indisponenti, talvolta vigliacchi, che fanno da contrappeso ad altri, generosi ed encomiabili, abilmente descritti e incastonati in storie deliziose da leggere tutte d’un fiato.