Gen
28
Gio
“L’urlo del Danubio” – Presentazione del volume di Marinella Tumino @ Liceo Convitto
Gen 28@18:30–19:30

Presentazione del volume di Marinella Tumino “L’urlo del Danubio | Viaggio dell’anima sui binari della memoria storica”.

All’interno della manifestazione “Voci di donne”.

Dialogherà con l’autrice Teresa Floridia

Seguirà interpretazione enologica a cura della sommelier Cettina Rizza

La memoria storica è testimonianza del passato, insegna la fecondità del sacrificio e celebra il trionfo della spiritualità. L’urlo del Danubio ripercorre con un treno immaginario un viaggio interiore effettuato dall’autrice nei luoghi della disumanità: dal campo di Dachau all’Alloggio segreto di Anne Frank e poi ancora dalla risiera di San Sabba a Trieste ai quartieri ebraici di Ferrara, Roma, Budapest. Ripercorrere i binari della memoria storica è un modo per tenere vivo il ricordo di ciò che è stato ma soprattutto per far sì che simili tragedie non debbano accadere mai più. “Ne plus jamais!”, come recita il severo monito che ora sovrasta il lager di Dachau e, idealmente, tutti i luoghi di sterminio e di offesa dell’uomo.

 

 

 

 

 

 

Mag
29
Sab
“Cortile cacao” – Presentazione del romanzo di Cristina Schillaci @ Palazzo della Cultura
Mag 29@17:00–18:30

Presentazione del romanzo di Cristina Schillaci, “Cortile cacao”

Dialogheranno con l’autrice Agata Raineri e Salvatore Bonsignore.

Bruna è felice, verace, sensitiva. Innamorata dei ricordi delle sue nonne, della sua isola e di Guenda, la sua cagnolina. Affascinata da numeri e magia. Ha un sogno, una missione, un segreto e il dono di poter modificare il corso degli eventi, riscrivendoli. Ha una casa con un cortile in Sicilia da dove guarda e ama la Luna, e nel tempo di una Luna si scrive la sua avventura a Versailles e la relazione complicata con Noah, un uomo bellissimo, incoerente e pericoloso, con tante maschere e una vita piena di ombre. C’è qualcosa che viene dal passato, nel tempo di un’altra Luna, che pende sulla testa dei due come una maledizione, qualcosa che Diego non perdonerà mai. La sua vendetta è articolata e feroce. Diego vuole Noah per distruggerlo.

 

 

 

Giu
5
Sab
“Il tempo e le storie di Hugo” – Presentazione del romanzo di Nicola Colombo @ Atrio del Palazzo Comunale
Giu 5@18:30–19:30

Presentazione del romanzo di Nicola Colombo “Il tempo e le storie di Hugo”.

Converserà con l’autore Giuseppe Pitrolo (componente del gruppo “V.Brancati! di Scicli)

Letture di Silvana Blandino e Carmelo Di Stefano

Intermezzi musicali del duo “StraNìa”

Parteciperà Maria Monisteri (assessore alla Cultura del comune di Modica)

Coordinamento di Domenico Pisana (presidente del caffè Quasimodo)

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Il nostromo di nome Hugo – l’acca davanti e l’accento sulla o, pronuncia alla francese – è il protagonista e per larghi tratti l’io-narrante di questo romanzo. Oramai immobilizzato su una sedia a rotelle a causa di un incidente sul lavoro che ne ha paralizzato le gambe ma non intaccato la memoria, Hugo vegeta gli ultimi anni della sua tormentata esistenza nella locanda Vita Eterna!, la casa di cura dove si trova in perfetta solitudine. Qui, tra terapia e riabilitazione, trova il tempo, tra sogno e realtà, di rivivere i fatti salienti che hanno segnato il suo quasi mezzo secolo di vita, specie in relazione alle vicende legate alle persone incontrate, lasciate e ritrovate, e che l’hanno profondamente segnato nell’animo. Così, in un caleidoscopio sempre mutante di fatti e situazioni, di scenari e linguaggi, di ambientazioni e personaggi, emergono dallo scrigno della memoria Misia, la madre; Matis/Esmeralda, la sorellastra; Libero, il padre; Mazzino, il nonno; Soledad, la figlia naturale; Isolina, la ragazza da marciapiede di cui si innamora. Personaggi che l’autore tratteggia non solo negli aspetti fisiognomici ma ancor prima e meglio nelle passioni e nei sentimenti con un linguaggio letterario effervescente e schietto, sempre sospeso tra rappresentazione onirica e realtà, tra immaginazione e concretezza. Dentro le vicissitudini esistenziali il protagonista ci appare un eroe del nostro tempo, fragile e instabile analogamente all’epoca con cui ha crudelmente convissuto, anni e vicende con cui ognuno di noi è costretto a fare i conti.

Giu
25
Ven
“Il tempo e le storie di Hugo” – Presentazione del romanzo di Nicola Colombo @ Atrio Palazzo Bruno di Belmonte
Giu 25@19:00–20:00

Presentazione del romanzo di Nicola Colombo “Il tempo e le storie di Hugo”.

Converserà con l’autore il professore Luigi Blanco (presidente dell’Associazione LE MUSE)

Intermezzi musicali del duo “StraNìa”

Parteciperà il sindaco di Ispica, l’on Innocenzo Leontini e l’assessore alla Cultura prof.ssa Lucia Franzò

La presentazione, organizzata dall’Associazione Le Muse e con il patrocinio del Comune di Ispica, si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Il nostromo di nome Hugo – l’acca davanti e l’accento sulla o, pronuncia alla francese – è il protagonista e per larghi tratti l’io-narrante di questo romanzo. Oramai immobilizzato su una sedia a rotelle a causa di un incidente sul lavoro che ne ha paralizzato le gambe ma non intaccato la memoria, Hugo vegeta gli ultimi anni della sua tormentata esistenza nella locanda Vita Eterna!, la casa di cura dove si trova in perfetta solitudine. Qui, tra terapia e riabilitazione, trova il tempo, tra sogno e realtà, di rivivere i fatti salienti che hanno segnato il suo quasi mezzo secolo di vita, specie in relazione alle vicende legate alle persone incontrate, lasciate e ritrovate, e che l’hanno profondamente segnato nell’animo. Così, in un caleidoscopio sempre mutante di fatti e situazioni, di scenari e linguaggi, di ambientazioni e personaggi, emergono dallo scrigno della memoria Misia, la madre; Matis/Esmeralda, la sorellastra; Libero, il padre; Mazzino, il nonno; Soledad, la figlia naturale; Isolina, la ragazza da marciapiede di cui si innamora. Personaggi che l’autore tratteggia non solo negli aspetti fisiognomici ma ancor prima e meglio nelle passioni e nei sentimenti con un linguaggio letterario effervescente e schietto, sempre sospeso tra rappresentazione onirica e realtà, tra immaginazione e concretezza. Dentro le vicissitudini esistenziali il protagonista ci appare un eroe del nostro tempo, fragile e instabile analogamente all’epoca con cui ha crudelmente convissuto, anni e vicende con cui ognuno di noi è costretto a fare i conti.

Lug
3
Sab
“Caliti juncu” – Spettacolo teatrale tratto dall’omonimo libro @ Centro cinofilo SOTTOTIMPA
Lug 3@20:30–22:30

OPERAINCERTA VA IN SCENA! Il libro di Salvatore Barone che raccoglie i proverbi e detti siciliani, “CALATI JUNCO” diventa anche SPETTACOLO TEATRALE che verrà messo in scena a Valverde (CT) presso il centro cinofilo SOTTOTIMPA Musiche originali: Alessandro Cavalieri Al pianoforte: Pietro Cavalieri Con : Saro Pizzuto e Agata Raineri.

Sarà presente l’autore.

Il libro di Salvatore Barone procede su un doppio binario, il primo riguarda i testi dei proverbi, il secondo è una lettura di essi che non è semplice e, come spesso accade in pubblicazioni di questo genere, semplicistica spiegazione, ma invece scende nella densa e stratificata profondità del pensiero che il proverbio sottende. Ciò che ne deriva è una riflessione che induce a guardare indietro nel tempo, scavando nella memoria comune di un popolo alla ricerca della “civiltà dei proverbi”. La meditazione di Salvatore Barone, non risponde solo al bisogno di recuperare le radici della nostra comunità, ma a soddisfare una necessità esistenziale, quella di sentire la continuità fra passato e futuro, per leggerne i segreti del rapporto fra pulsioni, bisogni, regole, ragione e civiltà che abbiamo smarrito. Sperando forse di trovare spunti e ispirazione per una nuova etica di cui abbiamo un grande bisogno. [dalla prefazione di Domenico Amoroso]

 

Lug
9
Ven
“Massàri” – Presentazione del volume di Giuseppe Tumino @ Lido Selene
Lug 9@19:30–20:30

Presentazione del volume di Giuseppe Tumino “Massàri”.

Converserà con l’autore il professore Giorgio Flaccavento

La presentazione, organizzata in collaborazione con UNI3 di Santa Croce Camerina, si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Occorre sempre lasciare traccia scritta del nostro passato, altrimenti tutto si perde e si dimentica. Se non c’è qualcuno che scrive oggi sul mestiere del mastro ri carretta, non sapremo mai come faceva ad infilare il cerchione di ferro sulla ruota del carretto, non sapremo chi dipingeva le fiancate e il portellone del carretto, chi faceva l’armigghji per il cavallo, con quali strumenti li facevano e che
materiali adoperavano. Lo stesso discorso vale per lo scarparo, il custurieri, l’ippisaru, il milaru, il cunziruoto, il mastru re mura a siccu, il firraru, il vuttaru o l’umbrillaru. Cosa ne sappiamo della perizia del mastru re mura a siccu nello scegliere la pietra e tagliarla per inserirla in quel capolavoro che è il muru a siccu così presente dalle nostre parti che assolve alla funzione di delimitare, la proprietà e creare le ciuse dove gli animali non possono uscire se non attraverso il varu che il
massaro di volta in volta sbraca e poi ciuri? E che dire degli antichi lavori di campagna che ormai non si fanno più come u pisari che cavaddi, mietere i saittunafari i scuparini, o i liami p’anfasciari i regni? Per questo è necessario lasciare testimonianza di questo passato. Perché è storia e questa serve alle nuove generazione per capire il presente.

Ago
1
Dom
“Ragusa grande di nuovo” – Presentazione del volume di Meno Occhipinti e ‘U Gaddru @ Centro Commerciale Culturale
Ago 1@19:00–20:00

Presentazione del volume di Meno Occhipinti e ‘U Gaddru “Ragusa grande di nuovo”.

Converserà con gli autori il giornalista Antonio La Monica

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Se è vero che la satira fa ridere, è ancor più vero che si tratta di una materia maledettamente seria. Esistono vari modi di praticare questo stile di arte. In ogni caso, tuttavia, quel che conta è l’audacia degli autori, la loro volontà di irritare il potere che deve essere proporzionale alla capacità di creare  pensieri in chi, del potere, è spesso vittima inconsapevole. A qualunque livello si faccia riferimento, in qualunque luogo questo possa accadere.
In questo volume troverete la raccolta delle Cronache surreali, scritte da due strampalati amici, e pubblicate tra il 2006 e il 2009 sul quindicinale
“La Città – il giornale di Ragusa e provincia”, un periodico che rappresenta ancora oggi un caso interessante, forse unico nella storia recente, di editoria ancora libera e persino incosciente. Ma perché pubblicare un libro di cronache surreali che ormai potremmo chiamare “storie” visto l’inesorabile passare del tempo trascorso dalla loro pubblicazione? Perché può essere comunque utile e divertente riscoprire parte del nostro recente passato, mettere in luce le doti profetiche di Meno Occhipinti e del Gaddru e, soprattutto, spingere altri ed altri ancora a creare nuove occasioni di buona e “cattiva” satira. Buon divertimento a tutti…

Ago
20
Ven
“Vita di Milo” – Presentazione del romanzo di Angelo Aliquò @ Piazza Monumento
Ago 20@21:30–23:30

Presentazione del romanzo di Angelo Aliquò, “Vita di Milo”.

Conduce Andreana Sapienza

Dialogherà con l’autore Giovanni Cristina.

Il romanzo Vita di Milo attraversa i capitoli come un lungo fiume tranquillo, una vita che scorre tra le dita come le stesse pagine di questo agile volume. Impresa ardua quella dell’Autore, riassumere nella sua prosa essenziale la vita di un uomo “qualunque”, quasi ordinario. Talvolta si ha l’impressione che il protagonista non agisca, ma si limiti semplicemente ad accompagnare gli eventi, decide di volta in volta come fa una foglia in balia dell’acqua, ora imprevedibile, ora assecondando le cose della vita. Il racconto è punteggiato da grandi verità, mai esposte didascalicamente, il più delle volte lasciate intendere come se si trattasse di cose scontate. Ci vuole grande maestria narrativa per scrivere in questo modo, infatti Aliquò, nel suo linguaggio spedito, lineare a tratti essenziale, non cade mai nel superficiale, la sua prosa è leggera, leggera come dovrebbe essere tutto quello che in punta di piedi entra nell’anima per restarvi per sempre.  [dalla prefazione di Carlo Blangiforti]

 

 

 

Ago
23
Lun
“Trismarino” – Presentazione del romanzo di Roberta Bruno @ Centro Commerciale Culturale
Ago 23@19:00–20:00

Presentazione del romanzo di Roberta Bruno “Trismarino”.

Converserà con l’autrice il dottor Daniele Colombo, psicoterapeuta

La presentazione si svolgerà nel rispetto delle norme anti covid.

Andrea Balder vive in una piccola città in espansione, in un luogo non indicato, in un tempo non ben definito. La sua esistenza viene stravolta da un fatto per lei inspiegabile: dal giorno alla notte un’enorme voragine si apre all’interno del suo cantiere edile. Insieme al suo amico e capo cantiere, Ivan Santoro, prova a capire il perché ma il fenomeno non trova facile soluzione, per cui Andrea contatta Marvin Harris, un archeologo, nella speranza che lui riesca a fare luce
sull’avvenimento dalle cause ancora sconosciute. Ad un’analisi più accurata la voragine mostra delle stranezze: condotti blu cobalto, pareti, strutture artificiali, ed una nube corrosiva che corre nelle diramazioni sotterranee dei tunnel. Si scoprirà così una dimensione alternativa e nascosta alla luce del sole. Sotto le viscere della terra, infatti, oltre al passaggio creatosi per quel crollo accidentale, vi è una sorta di laboratorio ed una torre di cristallo che ospita al suo interno un esercito di uomini in nero, burattini senz’anima, organizzati da una figura sinistra, la Signora, che sogna di creare una nuova realtà, senza ingiustizie, guerre, sofferenze e lotte per il potere, ma per fare ciò deve sbarazzarsi del genere umano giudicato da lei debole, pericoloso, malvagio. Nello stesso “frangente  temporale” della storia nasce Trismarino, l’obiettivo della Signora, la nuova isola emersa le cui radici affondano dentro al laboratorio sotterraneo, la cui comparsa soppianta la città. Da lì è un susseguirsi di frammenti, che a tratti sembrano slegati gli uni dagli altri, ma che alla fine si ricompongono e fanno comprendere al lettore che il tempo all’interno di una psiche umana può essere molto diverso da quello esperito nel reale.

Set
2
Gio
Concorso di narrativa Manuela Paradiso in onore di Vannino Avanzato Falconieri | Premiazione @ Ristorante "La Marchesa"
Set 2@18:00–20:00

Concorso di narrativa Manuela Paradiso in onore di Vannino Avanzato Falconieri | Premiazione

Presenta l’evento Rosuccia Agnello
Lettrice Luana Occhipinti

Le opere pervenute in questa prima edizione del concorso in memoria dello scrittore Vannino Avanzato Falconieri manifestano, quasi tutte, attitudine alla narrazione e alla condivisione con i lettori di storie che, o allietano o parlano al cuore o fanno riflettere o, semplicemente, raccontano particolari esperienze e momenti di vita, con descrizioni fantasiose o realistiche di luoghi, persone e sentimenti.

Alcuni componimenti curano l’ambientazione storica vera e propria e la descrivono in modo puntuale e interessante. Così, ma in modo certamente più letterario e con vis narrativa, scrive Vannino, ammaliando altresì con immagini originali e tutte particolari perché accosta nomi/aggettivi e verbi/nomi in una maniera molto personale, che colpisce sempre chi lo legge e che non farà dimenticare i personaggi principali dei suoi romanzi, come Luciano, Sara, Magda, Manuela.

(Antonina Gulino)